Rovagnati: un progetto informatico che va al cuore delle attività strategiche

Prosciutto Gran Biscotto Rovagnati Prosciutto Gran Biscotto Rovagnati

Chi in Italia non conosce il famoso prosciutto Gran Biscotto Rovagnati?
Per citare solo il prodotto più noto di questa rinomata casa produttrice; ma molti altri sono i prodotti di questo brand che troviamo nelle salumerie e nei supermercati: dalla linea “Snello”, perfetta per coloro che vogliono mangiare gustoso ma con meno grassi, senza glutine e derivati del latte; ai prodotti “Naturals”, 100% naturali e senza conservanti, totalmente privi di nitriti e nitrati; fino alla linea “Riserva”, per i consumatori più esigenti.
Fondata nel 1941, Rovagnati è un'azienda italiana che da oltre 70 anni produce salumi di alta qualità ed è uno dei marchi più noti per i prosciutti cotti, crudi, salami, mortadella, bresaola e altre specialità.

Qual è il segreto del suo successo?

La costante ricerca dell’eccellenza, che permea tutti i processi aziendali, dalla selezione della materia prima, alla lavorazione delle carni, alla stagionatura, fino al prodotto finito.

Andrea Melesi, Direttore IT di Rovagnati
Andrea Melesi, Direttore IT di Rovagnati
“La qualità è una forma mentis, un’attenzione che parte dal controllo degli allevamenti e del cibo somministrato agli animali per arrivare alla selezione dei collaboratori, all’organizzazione del lavoro e della logistica, alla scelta degli impianti, fino ai sistemi informatici, che supportano tutti i reparti dell’azienda” racconta Andrea Melesi, Direttore IT di Rovagnati.

A partire dal 2000 l’azienda ha automatizzato molto in logistica e produzione, e proprio il reparto IT ha recentemente attraversato una importante fase di cambiamento per migliorare l’efficacia dei processi operativi e decisionali. Con questi nuovi sistemi, l’azienda ha aumentato le prestazioni e oggi supporta meglio le strategie di internazionalizzazione e l’avvio di nuovi prodotti innovativi.

Il progetto, che coinvolge il cuore delle attività strategiche di Rovagnati, è diviso in più fasi e si articola fra le due sedi di Villasanta, dove risiede la produzione di affettati e salami e il polo logistico di tutte le spedizioni automatizzate, e Biassono, dove è ubicato lo stabilimento per la produzione dei prosciutti cotti e l’headquarter di tutte le direzioni. Prosciutto Gran Biscotto Rovagnati Rovagnati ha processi logistici altamente meccanizzati perché i clienti richiedono tempi molto stretti tra ordine e consegna; inoltre nel settore dei salumi i dati sui parametri di produzione sono assai rilevanti. L’IT ha un ruolo fondamentale perché supporta i sistemi di produzione e logistica, così come l’ERP e altri sistemi gestionali, inclusa una soluzione per la gestione del ciclo commerciale, dall’ordine di vendita alle promozioni, alla raccolta dei dati di campo e ai contratti, indispensabile per i rapporti con la grande distribuzione.

“Per dare garanzie di qualità del dato ci vuole un’infrastruttura adeguata” dichiara Andrea Melesi; “l’iniziativa di aggiornamento, che ha visto anche la migrazione da AIX a sistemi Linux, puntava innanzitutto a completare l’alta affidabilità e a migliorare le prestazioni del nostro Data Center. L’hardware è stato rinnovato per garantire un uptime prossimo al 100%. Inoltre, la velocità dei processori nei nostri server e storage legacy erano diventate modeste rispetto alle soluzioni di ultima generazione. Occorrevano diverse ore per calcolare i principali indicatori aziendali, e ciò rallentava le nostre capacità decisionali. Oggi abbiamo raddoppiato la velocità di alcune applicazioni chiave”.

Perseguendo l’obiettivo primario della continuità di servizio, il primo step ha previsto la messa in sicurezza degli ambienti virtuali del sistema di produzione di Villasanta. La fabbrica non può fermarsi mai, quindi è stata estesa la business continuity grazie a due nuovi storage.
La seconda fase ha comportato l’aggiornamento della rete di Biassono, ormai datata, portandola ai massimi standard di affidabilità e sicurezza attuali. L’ultimo passaggio ha richiesto la sostituzione dell’ambiente server e storage della sede di Biassono.

Rovagnati, sede di Villasanta
Rovagnati, sede di Villasanta
Il progetto, che ha visto l’acquisizione di server, storage e apparati di rete Dell EMC, è stato realizzato insieme al partner tecnologico di Rovagnati, DISC S.p.A., system integrator e software house di Bergamo, che ha anche effettuato l’analisi dell’infrastruttura pregressa, e curato tutte le fasi di progetto e messa in opera.

 

“I risultati ottenuti?”

Oggi abbiamo alta affidabilità completa del data center di Biassono e garantiamo continuità operativa agli impianti di produzione e logistica di Villasanta. La rete informatica, che ora ha una velocità di 10 volte superiore, è ottimizzata, scalabile e sicura. E’ aumentata di 4 volte la velocità degli storage per abilitare migliori prestazioni delle applicazioni, e grazie anche all’aggiornamento dei server la velocità di elaborazione è raddoppiata, abilitando processi decisionali più rapidi. Inoltre, i test ci indicano che i tempi di ripristino dati sono stati dimezzati, e le possibilità di interruzione del servizio ulteriormente ridotte. Infine: oggi risparmiamo almeno il 25% del tempo necessario alla gestione del data center, abbiamo ridotto i costi delle licenze e delle manutenzioni e contiamo su un servizio di supporto continuativo erogato da DISC e da Dell EMC” risponde Melesi.

Per maggiori informazioni è possibile scaricare il caso di studio completo oppure contattare DISC a mktg@disc.it o al n. 035 678090

Gianluca Celauro, Consigliere Delegato e Direttore Area Sistemi di DISC nel data center di Bergamo Gianluca Celauro, Consigliere Delegato e Direttore Area Sistemi di DISC nel data center di Bergamo